freccia up
network

web marketing & social media marketing

Tramite le conoscenze acquisite nel tempo sfrutteremo i canali online per strutturare una strategia di marketing sul web che incrementi visibilità e vendite della tua attività.

Per ottenere dei reali vantaggi a seguito della scelta di possedere un sito internet, è necessario avviare una strategia di web marketing che esegua un’analisi di mercato relativa al campo d’interesse professionale della committenza e studi le mosse successive atte alla promozione di quello che sarà un canale privilegiato di contatto con la propria clientela. Avvicina i tuoi clienti, aumenta i tuoi contatti, amplia i tuoi orizzonti!

aumenta il traffico sul tuo sito, fatti conoscere e avvicina nuovi clienti

La figura del web marketer

web marketing tips

Come già spiegato nella pagina strategia, la decisione di costruire una vetrina virtuale non può essere presa senza la coscienza che al vostro sito vada affiancata, almeno nei primi tempi, una strategia di web marketing in grado di massimizzare le conversioni e di promuovere e pubblicizzare la vostra nuova attività sul web.

In linea di massima, un buon progetto di web marketing si sviluppa secondo tappe progressive:

  • studio e analisi di mercato (campo d’interesse, concorrenza, target)
  • creazione e pubblicazione del sito
  • promozione e pubblicizzazione del sito
  • creazione di landing pages
  • social media marketing
  • analisi dei risultati

Mi occupo inoltre di consigliare le corrette metodologie di gestione sia del sito che dei canali social ad esso necessariamente collegati. Scopri di più riguardo al web marketing leggendo le FAQ sottostanti!

Web marketing: cosa significa e altre domande frequenti

Che cosa significa web marketing?

Il termine, di origine anglosassone, indica tutti quegli aspetti di marketing legati al mondo del World Wide Web. In poche parole un web marketer è colui che lavora per la promozione del sito, avendo ben presente tutte le metodologie utili per sfruttare i canali che la rete mette a disposizione.

Oltre a conoscere le tecniche di posizionamento e ottimizzazione per i motori di ricerca (vedi pagina SEO), il web marketer possiede anche nozioni specifiche riguardanti i programmi di affiliazione, i social media, AdWards e così via.

Quali attività e quali strategie si possono rendere utili?

Come sarà ben comprensibile a tutti, il fine principe di una strategia di web marketing è ottenere maggior visibilità all’interno dei motori di ricerca e di massimizzare le conversioni.

Ovviamente per fare ciò ci si dovrà occupare del SEO on e off page (vedi pagina SEO) e varare un action plan efficiente (vedi pagina strategia).

Tuttavia, una buona azione di marketing non si ferma qui: una volta ottenuti i risultati, si dovrà mantenere un contatto con la clientela tale da garantire un’assistenza costante e da dimostrare un interesse e una presenza che non vengano mai meno. In particolare il social media marketing necessita di un’assidua presenza di un addetto che si occupi del customer care, ovvero di seguire il cliente che, tramite i social networks, potrà interagire con l’azienda. Ciò farà sì che la reputazione della ditta cresca o diminuisca in base alla qualità del servizio offerto.

Nel dettaglio, possiamo dire che i punti salienti su cui porre attenzione sono:

  • Ottimizzazione e posizionamento sui motori di ricerca
  • Pay per click
  • Mentioning
  • Campagna banner

Non tutte queste tecniche si rivelano funzionali, alcune sono costose, altre un po' anacronistiche. Vediamole tuttavia nel dettaglio.

Che cosa significa pay per click (PPC)?

In poche parole è una metodologia di pubblicizzazione del proprio sito per la quale si paga una determinata cifra in base al numero di click che avviene effettivamente sull’annuncio.

Questa tecnica è anche detta pubblicizzazione pull. Serve infatti ad attirare le persone in base a determinati interessi già manifestatisi in rete. Un esempio di PPC è il keyword advertising, ovvero degli annunci sponsorizzati che appaiono contestualmente ai risultati puri sui motori di ricerca.

Che cos’è il mentioning?

Strettamente legato al concetto di Social Media Marketing, il mentioning è una tecnica inventata nel 2010 dall’italiana New World che consiste nel pubblicare messaggi pubblicitari sulle pagine degli utenti dei social networks.

La tecnica è molto semplice: si chiede a un numero cospicuo di persone di pubblicare una menzione, una citazione, ovvero un link ad un sito web, sul proprio profilo social. In questo modo si indurrà tutta la rete di amici collegata alla singola persona a leggere tali segnalazioni e, con un’altissima probabilità, molti di loro visiteranno il sito in questione.

Questa tecnica è detta pubblicizzazione push, e si rivela molto utile quando non vi sia già in rete un particolare interesse per il prodotto da pubblicizzare. In effetti, a differenza delle tecniche pull, essa non si basa su una ricerca di un utente, ma richiama l’utente stesso verso un determinato prodotto anche qualora egli non avesse mai manifestato una curiosità in tal senso.

Nonostante questi vantaggi, in linea di massima tendo a sconsigliare questo metodo (che poi, riflettendoci bene, è lo stesso utilizzato da radio e televisioni) in quanto l'utente subisce la pubblicità e la può percepire come invasiva e scocciante.

Che cos’è una campagna banner?

Come molti sapranno esistono delle agenzie che vendono degli spazi pubblicitari su portali, siti web, social networks. Tramite un’azione che si chiama display advertising, in questi spazi vengono pubblicati dei banners che promuovano un determinato prodotto.

Una campagna di questo tipo può essere monitorata con costanza attraverso dei tool creati alla bisogna.

Che cosa sono AdWords e AdSense?

AdWords è un programma di proprietà di Google che permette l’inserimento di pubblicità all’interno dei risultati di ricerca del motore Google.

La comparsa di una determinata pubblicità si basa sulle tipologie di ricerca effettuate dagli utenti, cosicchè vengano pubblicizzati dei prodotti attinenti con gli interessi degli utenti stessi.

Esso è un sistema prevalentemente PPC (pay per click) che, come abbiamo visto in precedenza, prevede degli investimenti che variano in base al numero di click effettuati dagli utenti finali sul contenuto pubblicizzato.

Esiste però anche la possibilità di scegliere una metodologia CPM (cost per mille) che permette di impostare un costo della campagna sulla base di mille visualizzazioni (indipendentemente dal fatto che quella pubblicità venga poi effettivamente cliccata dal consumatore).

Infine vi è anche l’opportunità di impostare una strategia in base ad un numero determinato di conversioni (che stanno a indicare degli obbiettivi predeterminati).

Si possono pubblicare annunci di testo (che verranno visualizzati sui motori di ricerca) o banners (che verranno visualizzati su tutti quei siti che aderiscono al programma AdSense).

AdSense è una rete di servizi che permette di ospitare banner pubblicitari (in formato testuale o grafico) sul proprio sito. Tramite l'inserimento di un codice verranno mostrati annunci pertinenti al contenuto del sito oggetto di visita. Esiste anche la possibilità di inserire un motore di ricerca che visualizzi dei risultati che portano vantaggio al gestore. Diciamo che in linea di massima il guadagno per i publisher di AdSense è del 68% rispetto all'esborso degli inserzionisti. Il guadagno relativo ai risultati dei motori di ricerca è invece pari al 51% del costo pagato dagli stessi.

Che cosa è Facebook Ads?

Facebook ADS (o Facebook advertising) è un servizio messo a disposizione da Facebook che permette la creazione di annunci pubblicitari targhettizzati a pagamento.

Questo sistema risulta essere, al momento, uno dei più potenti strumenti di Web Marketing in circolazione. Non solo e non tanto per l'economicità del servizio offerto da Facebook in rapporto al diretto concorrente (Google Ad Words), ma soprattutto perchè esso consente di raggiungere un pubblico enormemente ampio anche a prescindere dal fatto che esso stia cercando il nostro prodotto o la nostra azienda.

Facebook è essenzialmente uno strumento ricreativo, per cui le persone si approcciano ad esso per svago. Questo però non significa che gli utenti dei social network non siano sensibili agli annununci sponsorizzati. Un buon web marketer è in grado di creare una strategia di advertising capace di colpire l'attenzione dell'utente il quale, leggendo il flusso delle notizie all'interno dello stream della sua pagina Facebook, si trova improvvisamente di fronte ad un immagine accattivante o ad uno slogan efficace. Ci sono moltissime tecniche che si possono utilizzare, ma la funzione più importante è certamente legata alla possibilità di creare un gruppo di destinatari salvati strutturato sulla base dei possibili utenti interessati al nostro prodotto o ai servizi della nostra azienda

Un social network come Facebook non è nato per vendere, ma è nato "con le persone". Ciò significa che, se ben utilizzato, esso può essere un ottimo mezzo per il customer care e per aumentare la brand reputation. Tuttavia è bene ricordare cosa compare all'atto della registrazione: "Iscriviti. È gratis e lo sarà sempre.". Questa frase è molto indicativa se la vogliamo rileggere attraverso il famoso adagio "Se qualcosa è gratuito, allora ciò significa che il prodotto sei tu". Facebook non è gratuito. Facebook ha bisogno delle persone e delle aziende perchè, in realtà, Facebook è una macchina da denaro basata sul proprio sistema di advertising.

In generale, e a conclusione di questa breve risposta, vorrei ricordare che Facebook conta 1 miliardo e 310milioni di utenti attivi al mondo e circa 26 milioni di utenti in Italia. A questo punto risulta evidente come una realtà aziendale, non possa ignorare questo strumento se vuole realmente penetrare il mercato.

Riassumendo:

Il web marketing è una disciplina complessa e a se stante. Essa implica la conoscenza di tecniche SEO, intuito, capacità di analisi e una certa esperienza. A volte si procede popperianamente (per prove ed errori - trial & error), a volte si indovina immediatamente la giusta strategia.

Esiste una miriade di tecniche più o meno efficaci e più o meno costose per dare visibilità al proprio sito web. Una soluzione unica e valida per tutti non è un'opzione da prendere in considerazione. Bisogna effettuare un'analisi di mercato, capire il target, comprendere il budget a disposizione e il rapporto tra spese e benefici. È inoltre indispensabile provare differenti strade.

Non posso promettervi il primo posto sui motori di ricerca (diffidate da chi ve lo garantisce), poichè, come spiegato nella sezione SEO, non esistono tecniche che diano risultati matematici e sicuri, ma posso assicurarvi un ottimo posizionamento e un incremento certo del traffico in ingresso!

Vuoi attivare una strategia di Social Media Marketing? Vuoi testi SEO friendly? Ti interessa AdWords? Rivolgiti a me per un preventivo gratuito.